SABAUDIA /TERRACINA/SAN FELICE

Trasportati dallo scintillio delle acque, nello stesso lembo di terra nel quale la maga Circe ospitò ed ammaliò Ulisse durante il suo lungo viaggio verso Itaca, si possono ammirare scenari mozzafiato, tra siti archeologici, lunghe spiagge di sabbia sottile e coste a picco sul mare.

Un itinerario magico, nella parte più a sud della provincia di Latina, tra Sabaudia, San Felice Circeo e Terracina la cui ricchezza culturale si dispiega solo ad attenti osservatori. Come la storia anche la cucina inebria i visitatori con tipicità locali, mentre i vitigni autoctoni dalle tradizioni millenarie completano un’offerta turistica contesa tra terra e mare.

Partendo da Latina, in direzione sud, verso il mare, si giunge a Sabaudia. La sua veste è razionalista, ma nasconde un’anima selvaggia dalle tonalità verdeggianti, essendo parte integrante del Parco Nazionale del Circeo: lungo il tratto costiero natura ed archeologia s’incontrano tra i resti della famosa Villa di Domiziano del I secolo d.C. e, la Fonte di Lucullo, una grotta artificiale romana che aveva lo scopo di raccogliere acqua da bere e da utilizzare per scopi termali.

Alla fine del tratto costiero del Comune di Sabaudia, ai piedi del promontorio del Circeo, svetta la Torre Paola, eretta tra il XV ed il XVI secolo.

Proseguendo la strada costiera, pochi chilometri dopo, ecco il cuore di San Felice Circeo, dove storia e mito si incontrano, dai ritrovamenti di resti dell’uomo di Neanderthal sino all’approdo di Ulisse in una delle sue baie, dove rischiò di rimanere intrappolato a causa degli incantesimi e pozioni della maga Circe. La parte alta della cittadina, il promontorio, conserva tracce di epoca romana e medievale e, all’interno del giardino comunale, ospita una “vigna” sospesa tra cielo e mare.

Il mito ci guida ancora più a sud di San Felice Circeo, lungo il tratto di costa, conducendoci fino a Terracina, città anch’essa di fondazione romana e sovrastata dal tempio di Giove Anxur, dalle cui alture si possono ammirare il monte Circeo, le isole pontine ed il Vesuvio.

La parte bassa della città si è sviluppata in epoca romana sulla strada verso il porto mentre la parte alta della città si apre sul Foro emiliano, attraversato dalla Via Appia, a cui fa da contraltare una terrazza moderna che affaccia sulla città e sul mare.

LE AZIENDE DEL TERRITORIO

SABAUDIA/TERRACINA/SAN FELICE CIRCEO

TRA CULTURA NATURA E PASSIONE PER LE COSE BUONE

IL TUO PERCORSO "DI-VINO"